Monetizzare le proprie applicazioni Android con AdMob

Quella che segue è una semplice guida ad AdMob, il servizio, molto simile ad AdSense (non solo per il nome) che permette di guadagnare qualche soldino agli sviluppatori Android che inseriscono applicazioni sul Market del sistema operativo.

L’uso di AdMod è davvero semplice, soprattutto per coloro che hanno già esperienza con AdSense.

Per prima cosa, dovete andare sul sito del servizio, che trovate qui, e creare un account, nel caso in cui non lo abbiate già. Il processo non prende più di 5 minuti, ed è davvero intuitivo.

Una volta impostati correttamente tutti i campi, effettuate il Login, cliccate su “Add Sites” e create un sito androide. Vi verranno chiesti alcuni dettagli sull’applicazione, nel caso in cui non sia ancora sul Market, poi basterà inserire alcuni valori fittizi, che si potranno modificare a piacere in futuro.

Nella schermata che segue, dovrebbe esserci il link per scaricare l’SDK (Software Development Kit). Bene, qui comincia la vera e propria guida!

Scaricate l’SDK, cercare il file “admob-sdk-android.jar”e metterlo nelle librerie/directory dell’applicazione. Inoltre avrete anche bisogno di configurare l’IDE (va bene Eclipse), al fine che venga riconosciuto dall’SDK.

Fatto questo, dobbiamo configurare anche la nostra applicazione per poter utilizzare le librerie AdMob. Per farlo, aprire il file “AndroidManifest.xml” e aggiungere il seguente codice prima del tag di chiusura dell’applicazione.

<!-- The application's publisher ID assigned by AdMob -->

<meta-data android:value="IL_TUO_ID" android:name="ID_PUBLISHER_ADMOB" />

 <!-- AdMobActivity definition -->

<activity android:name="com.admob.android.ads.AdMobActivity"

android:theme="@android:style/Theme.NoTitleBar.Fullscreen"

android:configChanges="orientation|keyboard|keyboardHidden" />

<!-- Track Market installs -->

<receiver android:name="com.admob.android.ads.analytics.InstallReceiver"

android:exported="true">

<intent-filter>

   <action android:name="com.android.vending.INSTALL_REFERRER" />

</intent-filter>

</receiver>

Dovrete sostituire IL_TUO_ID con il vostro ID, che trovate nella sezione Sites del sito.

Inoltre, assicuratevi che la vostra applicazione abbia il permesso a internet. Se non può collegarsi a internet, come sperate di guadagnare?

<!-- AdMob SDK requires Internet permission -->

<uses-permission android:name="android.permission.INTERNET" />

Successivamente, se non avete un file chiamato “res/values/attrs.xml” createlo con il seguente codice. Se lo avete già, passate al prossimo passo.

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>

<resources>

<declare-styleable name="com.admob.android.ads.AdView">

<attr name="backgroundColor" format="color" />

<attr name="primaryTextColor" format="color" />

<attr name="secondaryTextColor" format="color" />

<attr name="keywords" format="string" />

<attr name="refreshInterval" format="integer" />

</declare-styleable>

</resources>

Fatto questo, possiamo seriamente pensare all’inserimento degli ads nelle nostre applicazioni. Con il seguente codice posizionerete il banner sul fondo della pagina, proprio come un footer di un sito web. Il codice è da inserire nel file res/layout/main.xml.

<com.admob.android.ads.AdView

android:id="@+id/ad"

android:layout_width="fill_parent"

android:layout_height="wrap_content"

myapp:backgroundColor="#000000"

myapp:primaryTextColor="#FFFFFF"

myapp:secondaryTextColor="#CCCCCC"/>

Probabilmente nell’IDE darà errore, ma durante l’esecuzione non da problemi, state tranquilli.

Assicuratevi di aggiungere il nome della vostra app nel LinearLayout, come ad esempio:

<LinearLayout xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android"

xmlns:myapp="http://schemas.android.com/apk/res/com.jameselsey.LanguageSelection"

android:layout_width="match_parent"

android:layout_height="match_parent"

android:orientation="vertical">

Ecco fatto! Adesso potrete visualizzare i banner direttamente sulla vostra applicazione, che può già essere distribuita. Talvolta AdMod impiega qualche secondo i più per caricarsi, in quanto deve collegarsi ad internet per trovare un annuncio adatto.

Avrei finito, spero di aver aiutato qualcuno a guadagnare i primi soldini con le proprie applicazioni! Per qualsiasi cosa (anche negativa) lasciate un commento, in particolar modo se questa guida vi ha portato qualche beneficio.