Elenco Social Network Italiani e Stranieri Online

I social network sono molto diversi tra loro. Pochi se ne accorgono, ma ogni social ha le sue caratteristiche definite che lo rendono speciale, ma che danno soprattutto importanza diversa ai nostri contenuti in base alla struttura. In questo articolo analizziamo i quattro social network disponibili in italiano più utilizzati al momento, per capire come sfruttarli per attirare nuovi utenti o fidelizzare quelli già presenti sul nostro blog.

Facebook. Partiamo dal primo social network per diffusione in Italia. Facebook è un social network generalista. Infatti, per Facebook ogni cosa che ti riguarda è importante, dove e come lavori, dove e cosa hai studiato, dove abiti, che persone frequenti. Insomma, tutto tranne i tuoi contenuti online. Infatti, su Facebook è possibile inserire semplicemente il link che rimanda al nostro articolo appena pubblicato sul nostro blog sul profilo e, se vogliamo, sulla pagina fan dedicata al nostro blog. Non possiamo chiedergli di più.

Twitter. Con Twitter molte cose cambiano. Questo social network ha tre usi consigliati, raggruppa le fonti, stimola gli utenti a interagire con il gestore del blog e consente l’utilizzo dei tag. Come permette Twitter di raggruppare le fonti? Semplice, voi i following come li usate? E le liste? Non mostrano forse i contatti migliori per ogni argomento? Ai vostri utenti piacerà interagire su Twitter tramite risposte precise ai loro problema.

LinkedIn. LinkedIn consente e sviluppa i rapporti professionali o di lavoro. Sfruttatelo se avete necessità di inserire nuovi video, mostrare le vostre esperienze, mandare un CV (basta un link di LinkedIn che potrete inviare via mail senza allegati al vostro datore di lavoro) o, più semplicemente, se volete commissionare un lavoro ai migliori del settore. Ottimo per acquisire una propria credibilità online.

Google Plus. Offre al blogger possibilità infinite presso il proprio brand, posizionamento immediato sui motori di ricerca, possibilità di collegare tramite il rel=author il proprio profilo agli articoli scritti, divisione degli utenti in cerchie, pagine dinamiche, temi caldi, ma soprattutto hangout. A cosa servono? A creare video direttamente online per corsi, eventi, promozioni, contest che vanno in onda in automatico anche sul vostro canale YouTube prima di essere definitivamente salvati. Google Plus ha ancora moltissime funzioni in versione beta, presto saranno completamente operative e verranno inserite su larga scala anche nel motore di ricerca per chi non è ancora su Google Plus.