Eliminare Conflitti tra Codec

vista-video-icon
Uno dei conflitti più frequente che accade all’interno di un pc, è quello provocato dai Codec multimediali, ovvero le librerie che permettono qualunque player multimediale di riconoscere e riprodurre file audio e video. Il mondo dei codec è da anni una vera giungla, e il fenomeno non accenna a ridimensionarsi: i formati audio e video in cui ci si può imbattere sono sempre di più, ciascuno con le proprie caratteristiche e adatto a determinati scopi.

Potremmo riempire comodamente più di una colonna solo elencando i nomi dei forma e dei sottoformati audio e video che oggi qualunque buon media player deve saper riconoscere. Cosa si deve fare quando si deve aprire un file multimediale codificato in uno standard mai visto prima? Si cominciano a cercare informazioni su Internet: Google si rivela sempre un buon amico, in questi casi.

In alternativa si cerca di risolvere  il problema con un bel codec pack,ossia un voluminoso pacchetto che installa nel sistema tutte le librerie necessarie per leggere un’infinità di formati multimediali. Il più noto codec pack è attualmente K-lite. I codec pack hanno però due limiti: primo, non supportare tutti i player multimediali e se nel sistema sono già presenti alcuni dei codec che si sta cercando di installare, si genera un conflitto.

Per cui, se intendete installare un codec pack, disinstallate tutti codec singoli installati in precedenza: per esempio i pacchetti completi DivX e Xvid, evenutali file di supporto all’audio AC3 e via dicendo. Se non riuscite a riprodurre un determinato file neppure dopo aver installato il più corposo dei codec pack attenzione: potrebbe non trattarsi di un conflitto, ma più banalmente, di un file di tipo sconosciuto, se non addirittura danneggiato.

Non resta che verificarne le proprietà con un programma come Gspot. Si tratta di una utility gratuita che apre qualunque file audio o video, e vi dice anche se sul vostro pc sono presenti codec adatti alla riproduzione.