Come Partizionare un Hard Disk con GParted

Ogni sistema operativo ha i suoi pregi. Windows è onnipresente e offre l’accesso a una vasta gamma di software. OSX è solido e in genere si comporta esattamente come l’utente si aspetta.

Linux consente di accedere a milioni di programmi open source che non sempre si possono trovare altrove. Molte di queste applicazioni gratuite sono incredibilmente utili, anche per gli utenti molto legati a Windows. GParted è un ottimo esempio di un incredibile software Linux gratuito per il partizionamento, che tutti gli utenti Windows dovrebbero conoscere.

Perché è uno strumento di partizionamento completo, per molti versi una migliore alternativa a Partition Magic. Supporta sia NTFS e FAT32 (e molto altro), il che significa che può fare tutto quello che un utente di Windows vorrebbe fare (e molto altro). Infine, poiché può essere avviato da un Live CD (senza installazione), è possibile utilizzarlo per modificare la partizione primaria usata dal tuo sistema operativo – utile quando si desidera ridimensionare questa partizione.
La cosa migliore è che Gparted è un software di partizionamento gratuito che è già incluso nel Live CD di Ubuntu.

In sostanza, partizione significa dividere il disco rigido in diverse sezioni. Per Windows, ciascuna di queste “sezioni” sarà vista come un disco separato – pur essendo fisicamente presente nello stesso volume.

Se i dati sono su una partizione diversa da quella del sistema operativo si può sostituire il proprio sistema operativo senza perdere i propri dati. Il partizionamento è anche necessario se si desidera eseguire più sistemi operativi su un singolo computer (e disco fisso) – ad esempio, Windows e Ubuntu.

Uno strumento di partizionamento ti permette di restringere o estendere le partizioni esistenti, e crearne di nuove. GParted è uno strumento di partizionamento.

Un altro di questi strumenti è Partition Manager. Nonostante sia un buon strumento, Partition Manager non può essere eseguito da un CD live e come tale non è utile per modificare la partizione primaria del vostro disco.

Accedete a GParted e vedrete la vostra unità primaria, pronta per essere modificata. È possibile eliminare una partizione, se volete, o semplicemente ridimensionarla. Per eseguire qualsiasi azione, tutto quello che dovete fare è un clic con il tasto resto sul disco o sulla partizione che si desidera modificare. Il menù che compariranno offrono cursori che è possibile trascinare per specificare la dimensione desiderata se imputare numeri non è nel vostro stile.

Nell’angolo in alto a destra della finestra, c’è un menu a discesa che permette di selezionare quale unità si desidera configurare.

Risulta essere importante sapere che GParted non farà nulla fino a quando non si farà clic sul pulsante “Applica” nella barra degli strumenti. Quindi, se volete vedere che tipo di configurazione funzionerà o non funzionerà andare avanti, nulla verrà modificato fino a quando non si fa clic su OK.

Infine, vale la pena notare che il partizionamento non è senza rischi. Se, per esempio, si verificasse un’interruzione di corrente durante il partizionamento il risultato potrebbe essere un sistema che non è più in grado di avviasi e recuperare i dati sarebbe difficile. Proteggersi da questa eventualità utilizzando una gruppo di continuità o assicurandovi che la vostra fonte di energia sarà costante.

Risulta essere anche una buona idea per gli utenti Windows deframmentare il proprio disco rigido prima del partizionamento:,ciò aumenterà notevolmente l’efficacia del processo.

Se si utilizza già Linux, complimenti: avete facile accesso a GParted. Controllate la repository della vostra distribuzione per l’installazione.

Se avete un live CD di Ubuntu in giro da qualche parte, complimenti: avete un facile accesso a GParted. Basta eseguire l’avvio da CD e troverete GParted sotto “Sistema” e quindi “Amministrazione”.

Se non si dispone di un CD di Ubuntu, è molto facile da trovare. Procedi a scaricare un’immagine ISO o richiedi gratuitamente la spedizione di un CD a casa tua.

Se invece tutto quello che desiderate è GParted, considerate invece il download del Live CD di GParted. Scaricare e masterizzare l’immagine ISO su disco utilizzando l’applicazione di masterizzazione da voi preferita.

Il programma di installazione di Windows, in particolare per XP, tende a impiegare un’infinità di tempo per creazione delle partizioni. Usa piuttosto Gparted per rendere l’installazione più veloce.

Restringi la partizione XP per fare spazio a un altro sistema operativo, ad esempio Ubuntu.

Hai bisogno di più spazio? Puoi rimuovere la partizione di ripristino in dotazione con il tuo computer ed estendere la partizione del sistema operativo per sfruttare lo spazio recuperato (ma attenzione, fatelo solo se avete un CD del sistema operativo – o di ripristino – a portata di mano per la re-installazione.)

Se avete acquistato di recente un disco rigido più grande, è possibile utilizzare Clonezilla per copiare il filesystem ad esso e poi Gparted per estendere la partizione per l’intera unità.

Gparted non è solo software di partizionamento gratuito, se avete bisogno di riorganizzare il disco rigido questo è quello che state cercando.

Chiudi il menu