Archivio Categorie: Download

Come Proteggere il Computer Eseguendo i Programmi in un Ambiente Virtuale

Molto spesso utilizziamo il computer per scaricare programmi e giochi direttamente da internet. Ancora più spesso però si tratta di programmi dannosi spacciati per dei normali programmi, ad esempio gli utenti di emule sanno benissimo quanti virus è possibile prendere sotto il nome di altri software e giochi.

Risulta essere dunque necessario tenere sempre installato un buon antivirus sempre aggiornato che ci permetta di navigare e scaricare in tutta sicurezza, ovviamente però cercando comunque di prelevare qualsiasi tipo di file da fonti sicure, così da non incorrere a particolari rischi.

ambientevirtuale

L’antivirus spesso può essere aggirato dai virus più avanzati, rendendo dunque la sua protezione assolutamente inutile, e il più delle volte ci porta alla formattazione totale dell’hard disk, in modo tale da reinstallare tutto dall’inizio ed eliminare così il file infetto.

Per evitare dunque di ritrovarci in questa spiacevole situazione, possiamo prevenire in modo molto semplice, o non scarichiamo più nulla di insicuro, oppure utilizziamo Sandboxie.

Sandboxie è un software che crea un ambiente virtuale nel nostro computer, un ambiente protetto da ogni genere di attacco da parte di virus e trojan, quindi il programma permette l’esecuzione di programmi all’interno di questa area virtuale, bloccando qualsiasi tipo di modifica del computer da parte di questi ultimi, se dunque avviamo un programma che vuole modificare chiavi di registro o file importanti di sistema, Sandboxie lo bloccherà prontamente, e dunque ci avviserà che il programma appena provato può essere dannoso per il nostro computer.

In questo modo sapremo sempre se un programma installato può essere pericoloso o innocuo, senza dunque incorrere a eventuali problemi.

Sandboxie possiamo scaricarlo direttamente dal sito ufficiale del produttore all’indirizzo sandboxie.com. Una volta installato dunque potremo visualizzare subito la schermata del programma con l’area virtuale.

Per caricare dunque un programma da eseguire in questa area sicura basterà premere con il tasto destro del mouse su “area virtuale defaultbox” e quindi selezionare “ avvia nell’area virtuale “ e successivamente “ avvia un programma “ selezioniamo dunque il file eseguibile del programma che vogliamo provare e dunque apriamolo.

Il programma sarà avviato in modalità protetta e se tenterà di apportare qualsiasi tipo di modifica al computer Sandboxie lo bloccherà, evitando invasioni di virus e di qualsiasi altro file dannoso.

Oltre a avviare ogni tipo di file potremo anche avviare il normale browser di navigazione, quello della posta elettronica, e qualsiasi altro programma già installato nel computer.

Programmi per Pulire il Registro

Il registro di windows è un componente molto importante e delicato del sistema in quanto è un registro dove vengono salvate delle chiavi, chiavi che il sistema operativo interpreta e quindi tiene traccia di tutti i programmi installati nel computer e di altri dati importanti.

Per questo motivo è sempre bene tenere ordinato e pulito il registro, molti programmi infatti, una volta disinstallati, lasciano comunque delle chiavi inutili che spesso possono creare problemi. Per pulire manualmente il registro bisogna conoscerlo approfonditamente, e sapere come effettuare manutenzioni su di esso, se infatti eliminiamo chiavi importanti potremmo compromettere seriamente il normale funzionamento del sistema. Per venire incontro agli utenti meno esperti Tweak Now mette a disposizione di tutti un utility gratuita che permette di ripulire il registro da chiavi inutili e problemi vari.

programmi registro

L’utility in questione si chiama TweakNow RegCleaner scaricabile a questo indirizzo. Quindi scarichiamolo ed installiamolo per metterlo subito al lavoro. Premiamo sul pulsante scan registry posto in alto, per avviare dunque una scansione automatica di eventuali problemi e chiavi inutilizzate che il nostro registro contiene. Il programma classifica gli errori trovati in sicuri da rimuovere, quelli che se rimossi potrebbero creare altri problemi, e quelli sconosciuti, ognuno di essi caratterizzati da un simbolo verde, giallo, e blu.

Terminata la scansione possiamo dunque avviare la pulizia premendo sul pulsante “clean registry”, le chiavi errate trovate durante la scansione saranno dunque eliminate dal registro. E’ meglio ripetere un’altra volta la scansione dopo aver pulito il registro, così da essere sicuri di aver eliminato effettivamente tutte le chiavi inutilizzate dal sistema.

Come possiamo notare nel menu di sinistra sono contenute numerose altre funzioni messe a disposizione da RegCleaner, come la deframmentazione del registro, così come si frammentano le periferiche di archiviazione, anche il registro può frammentarsi e quindi è necessario deframmentarlo. “Disk cleaner ci permette di ripulire gli hard disk da file inutilizzati, liberando così prezioso spazio da essi, basterà selezionare uno dei nostri hard disk ed avviare la solita scansione, questa richiederà un tempo maggiore in relazione alla dimensione totale del disco.

“Disk usage analyzer” analizza i dischi fissi e mostra la dimensione totale, e lo spazio utilizzato da ogni singola cartella all’interno del disco. “startup manager” ci permette di togliere dall’avvio automatico alcuni programmi, dove è anche presente una descrizione e la locazione di ognuno di essi. Se qualcosa dovesse andar storto dopo una modifica effettuata con RegCleaner, possiamo ripristinare tutto premendo su restore backup per ripristinare il computer allo stato in cui era prima della modifica effettuata.

Programmi per Recuperare Password da Client di Posta

Se è da tanto tempo che non inseriamo la nostra password nel cliente email, per scaricare la posta, può succedere di dimenticarla del tutto.

Quando configuriamo un account email sul client, la password dovrà essere inserita solamente una volta, infatti poi l’account rimarrà creato, e i dati per l’accesso alla nostra casella mail saranno memorizzati per sempre.

recuperare password da posta

Quando però capita di dover ricreare l’account, per esempio per un altro client di posta elettronica, i dati dovranno essere inseriti nuovamente e se non ci ricordiamo più la password saremo davvero in un bel guaio, infatti questa non è recuperabile dal client stesso perché è nascosta sotto degli asterischi, è quindi non possiamo vederla direttamente.

La stessa cosa succede quando formattiamo il computer, se non salviamo i vari account ad esempio di outlook express, quando lo avvieremo nuovamente esso avvierà la creazione dell’utente principale e dunque ci chiederà nome utente e password, se dunque non immettiamo questi valori non potremo più accedere alla nostra casella email, nemmeno da web.

Per ovviare dunque a questo problema, anzi per risolverlo, possiamo affidarci ad una medium che attraverso il pensiero andrà a scavare nei meandri della nostra mente alla ricerca della password giusta, oppure molto più semplicemente possiamo utilizzare un programmino molto utile che scoverà le password inserite nei vari client di posta elettronica, dunque anche se saranno nascoste dagli asterischi il programma le troverà facilmente e dunque ce le mostrerà in tutto il suo splendore.

Il programma di cui stiamo parlando si chiama Mail PassView, e possiamo scaricarlo completamente gratis dal sito del produttore Nirsoft.

Il programma è molto semplice da utilizzare, e non richiede nemmeno installazione, quindi un altro programma da aggiungere alla nostra collezione di programmi per pendrive. Una volta lanciato esso scandirà automaticamente il computer alla ricerca di account email, e quindi visualizzerà indirizzo, client utilizzato, server, e dunque la tanto agognata password.

Così facendo saremo sicuri di recuperare la password giusta, così da configurare il nuovo client di posta.

Se adesso che state leggendo cercate di ricordare la password del vostro account ma non ve la ricordate, utilizzate subito Mail Passview per recuperare la password e dunque conservarla in un luogo sicuro, non si può mai sapere cosa riserverà il nostro computer.

Programmi per Recuperare Dati da CD e DVD

Il problema maggiore di alcuni lettori è limitarsi a copiare i propri dati personali su supporti come CD, DVD, dimenticando che questi supporti non sono indistruttibili ma destinati a usura oppure a rompersi con facilità. Anche se ultimamente è sempre più diffusa la possibilità di acquistare supporti esterni di memoria come hard disk e quanto altro, può capitare di trovarsi a combattere con un supporto sciupato per recuperare determinati dati archiviati su questi supporti.

Questo significa che comunque anche a distanza di molti anni si può avere la necessità di leggere un disco CD o DVD contenente dei dati utili e che si trova magari graffiato, oppure usurato da troppi passaggi. Per superare questo timore, ecco che esce fuori un nuovo software che vi andiamo a presentare oggi, e che può tornare utile quando i dati da recuperare sono troppo importanti. Se ci troviamo in una situazione del genere, quindi, ci può essere utile far partire sul nostro PC, Get My Videos Back, la manna dal cielo per tanti utenti.

recuperare cd

Con questo software freeware ed in versione portable, possiamo infatti recuperare dai supporti ottici i nostri file di documenti, file audio, file video e quanto altro per poterli riutilizzare. Il software nasce come Open Source ed è funzionante su tutti i sistemi operativi di casa Microsoft Windows nelle versioni 2000, XP, Vista e Seven. Una volta avviato, va a leggere il supporto ottico danneggiato e rallentando la velocità di lettura, riesce a riportare in se qualche dato, sforzando il prime di lettura del laser del supporto.

Ovviamente i file recuperati sono solo quelli supportati dal software, previsti sul sito ufficiale del software. A oggi, il software lavora su un disco per volta, quindi non è nemmeno possibile avviarlo due volte, inoltre ci fa un dettaglio dei byte recuperati singolo step per volta.

Come Recuperare Password dal Browser

Capita molto spesso di accedere ai propri siti web preferiti, ai quali siamo registrati e di cui non abbiamo per distrazione, segnato nome utente e password da qualche parte.

Forti del fatto che il nostro browser sia impostato per salvare e ricordare i nomi utente e le password non abbiamo tanti pensieri per accedere ai nostri siti di fiducia dovendosi ricordare il tutto. Ma capita quel giorno in cui ognuno di noi decide di fare una bella pulizia del computer e pulisce la cache, la cronologia, il salvataggio dei dati nei moduli e altro e quando ci troviamo ad andare sul nostro sito preferito e non riuscire a entrare perché non ricordiamo i nostri dati d’accesso cancellati dal browser.

recuperare password da browser

Per far si del poter rientrare, abbiamo bisogno di andare a recuperare la password da qualche parte e quindi o andare nella nostra casella di posta elettronica e sfogliarci tutte le mail provenute da quel preciso sito internet (e se siamo abituati a cancellare la posta, nemmeno li avremo buon esito), oppure dedicarci ad un software che serve proprio al recupero di questi dati. Il software che vi presentiamo oggi è dedicato proprio a questo e si chiama Browser Password Decryptor.

Il programma è completamente gratuito e permette di recuperare le password salvate nei browser dalla memoria e metterle in un file. Il recupero con questo software è istantaneo e molto rapido. Le modalità di utilizzo del software sono due. Una con interfaccia grafica, molto intuitiva, e l’altra a riga di comando che permette agli esperti di sicurezza di avere delle opzioni avanzate di recupero.

La compatibilità del software è con tutti i sistemi operativi di casa Microsoft della serie Windows e i browser supportati da Browser Password Decryptor sono Internet Explorer, Firefox, Chrome e Opera.

Recuperare Password da Archivi Zip

Se avete scaricato un file da internet contenuto in un archivio protetto da password, e non avete la minima idea di quale possa essere, oppure avete voi stesso archiviato un vostro documento proteggendolo con una password ma disgraziatamente non ve la ricordate più, avete ancora la possibilità di recuperare queste password utilizzando PicoZip Recovery Tool.

PicoZip Recovery Tool è una piccola utility che permette di recuperare password perse da archivi zip attraverso determinati processi, purtroppo però, questi metodi richiedono tantissimo tempo, anche con computer molto veloci spesso i tempi per trovare una password possono allungarsi di svariati giorni, soprattutto in relazione alla lunghezza della password stessa.

recuperare password

Comunque meglio provare a fare un tentativo prima di eliminare definitivamente l’archivio protetto. PicoZip Recovery Tool è scaricabile da questo indirizzo ha una dimensione di 2,72 MB. La schermata principale presenta numerose opzioni da impostare prima di avviare la ricerca. Innanzitutto apriamo il nostro archivio protetto premendo sul pulsante con la cartellina raffigurata, nel campo “Encrypted Zip File”, e selezionandolo dal browser di esplora risorse.

Possiamo aprire solamente archivi zip ed eseguibili, archivi rar, 7zip, ace non sono supportati dal programma. Una volta aperto il nostro archivio, selezioniamo la modalità di ricerca che il programma applicherà per tentare il recupero della password, selezioniamo dunque dal menu a tendina del campo “Recovery Method”, la modalità “brute force” oppure “dictionary” la prima tenta un’operazione “forza bruta” ovvero provando automaticamente ogni combinazione possibile di tutte le lettere (sia maiuscole che minuscole) e numeri, è chiaro che le combinazioni possibili sono davvero tantissime, è per questo motivo che è richiesto moltissimo tempo per poter trovare la giusta combinazione, la modalità “dictionary” invece tenta di trovare la password provando, sempre automaticamente, determinate parole ritenute più comuni utilizzate nelle password, tutte contenute in un database, ovviamente questa operazione è molto più veloce rispetto al “brute force” ma se la password non corrisponde a nessuna parola del database, non ci resta altro da fare che provare la modalità forza bruta.

Sul campo min lenght impostiamo la lunghezza minima di caratteri che proverà il programma, e su max lenght la lunghezza massima, anche l’impostazione di questi valori cambia di gran lunga il tempo totale necessario per il ritrovamento della password, in quanto trovare una password di 4 caratteri ha meno combinazioni possibili da provare, rispetto ad una password di 10 caratteri. Per avviare dunque il processo di recupero, basta premere il pulsantino “start” posto in alto e attendere.

Come Ridimensionare le Immagini

Come sempre torniamo a parlare di come semplificare le operazioni quando lavoriamo con le immagini. Sappiamo tutti quanti formati di immagine esistono, e ognuno ovviamente è adatto ad una cosa specifica.

I bmp offrono un’ottima qualità di immagine ma hanno la particolarità di avere un peso troppo grande, quindi sono quasi impossibili da condividere online, il jpg è un formato compresso, e è un buon compromesso tra qualità e peso, infatti una jpg ad alta risoluzione può arrivare al massimo a sfiorare 1 mb, molto meno dunque, in rapporto alla stessa qualità di immagine, con i file bmp.

come ridimensionare le immagini

Poi ci sono quelli orientati principalmente al web, png, gif, utilizzati principalmente per piccole immagini a bassa risoluzione, ad esempio come avatar, oppure i vari contenuti grafici di un sito.

Tutte le immagini ovviamente non hanno la stessa dimensione, quindi se troviamo in rete qualche bella immagine che vogliamo condividerla attraverso il nostro sito, potrebbe risultare troppo grande, ad esempio perché abbiamo un layout da rispettare, ed un’immagine di grandi dimensioni potrebbe incidere sulla visualizzazione di insieme del nostro sito, dunque l’unica soluzione è ridimensionare l’immagine utilizzando uno dei tanti software messi in circolazione, tra cui i classici editor di immagini, come ad esempio il gratuito Gimp.

Se invece vogliamo qualcosa di più mirato, e cioè che ci permette solo di ridimensionare le foto, anche qui possiamo scegliere tra una buona disponibilità, a cui oggi ne aggiungiamo un’altra, Resize My Photos.

Resize my photos è un programma gratuito da scaricare da questo sito e installare sul proprio computer che tramite le sue semplici funzioni ci permetterà di ridimensionare facilmente qualsiasi tipo di immagine, grazie anche alla sua integrazione con il menu contestuale di explorer, grazie a ciò potremo ridimensionare immagini allo stesso modo di come creeremo una nuova cartella, selezionando l’opzione direttamente dal menu del tasto destro.

Una volta installato basterà cliccare sull’immagine che vogliamo ridimensionare, con il tasto desto, e quindi selezionare Resize My Photos. Si aprirà dunque la schermata del programma che ci consente di impostare alcune opzioni tra cui la nuova dimensione, la cartella di destinazione, rinominare, ed impostare la qualità finale, quindi con un semplice click sul pulsante start otterremo la nuova immagine ridimensionata.

Programmi per Scrivere Libri

Se siete appassionati di storie, di libri che trattano ogni genere di romanzo, sicuramente divorate libri quanto io divoro pizza, il che significa che intere librerie non vi bastano. Ma avete mai pensato di essere voi stessi il creatore di queste fantastiche storie.

Pensate a ciò che potrete fare, creare un modi tutto vostro con personaggi, luoghi, ambientazioni, tutto nato dalle vostre menti, così da poter dire quello è frutto della mia mente geniale. Ovviamente scrivere un romanzo non è così semplice come sembra. Un romanzo altro non è che una vera e propria vita testuale, in pratica viene raccontato ciò che in quel piccolo mondo formato da pagine, accade tutti i giorni fino alla fine della storia.

scrivere libri

Quindi il tutto deve essere concreto e realistico, ad esempio non potete scrivere in un capitolo, che uno dei personaggi si trova in un certo luogo a chilometri e chilometri di distanza, e magari nel capitolo successivo dire che è già ritornato acasa, a meno ché nel vostro racconto non esista il teletrasporto, questo particolare risulterà incongruente e poco realistico.

Bisogna stare attenti dunque a ciò che faceva un particolare personaggio l’ultima volta che lo abbiamo citato, cosicché possiamo riprendere le sue vicende seguendo un filo logico. Ovviamente se la nostra storia è particolarmente articolata, piena di personaggi e luoghi, risulterà molto più difficile tenere a mente tutti i profili di ognuno e dunque la possibilità di imbattersi in delle incongruenze narrative è sempre dietro l’angolo.

Per ovviare a tutto questo, ci viene incontro un utile programma che ci permetterà di stilare una vera e propria storia personalizzata, creando personaggi, luoghi, e tutto quant’ altro ci serve per una storia, in questo modo potremo facilmente vedere in che stato si trova un determinato personaggio in una precisa data.

Il programma si chiama Storybook, e possiamo scaricarlo gratuitamente da qui. Il software è disponibile sia per Windows Xp, e Vista, sia anche per Linux. Una volta installato ed avviato partirà in inglese, accedendo alle impostazioni potremo impostare l’italiano sia per la lingua sia per il controllo ortografico.

Come potete vedere in alto sono presenti tutte le varie sezioni, personaggi, luoghi, capitoli, scene, ecc. accedendo ad ognuna di essa inseriremo tutto quanto preveda la nostra storia, e potremo aggiornare il tutto costantemente, in modo tale da tenere aggiornati i profili dei nostri personaggi e di tutti gli elementi della storia.

Programmi Utili per Chiavetta Usb

Come già detto più volte, i computer sono belli, sono utili, ci permettono di fare tantissime cose, ma tutto ciò fin quando non creano problemi. I computer sappiamo benissimo come sono, oggi li spegni correttamente domani nemmeno partono, ho avuto personalmente questi problemi chiedendomi se il mio computer fosse posseduto da qualche oscura entità.

Il più delle volte fortunatamente questo non succede, e ci si limita a qualche problema software o hardware, o al massimo a qualche virus maledetto che è riuscito a penetrare nel nostro sistema, in questo caso, per risolvere qualsiasi problema avremo la necessità di utilizzare delle utility appositamente create per risolvere un determinato tipo di problema.

tech toolkit

Ovviamente non tutti abbiamo questi programmi installati sul proprio computer, ed in genere si corre subito a scaricarli quando si verrà a creare il problema, ma non è detto che riusciremo a farlo, la miglior cosa dunque è tenere questi programmi sempre a disposizione, ma per non occupare spazio nel nostro hard disk, che comunque con la grandezza che oggi raggiungono sarebbe uno cosa minima, potremmo utilizzare delle applicazioni che non necessitano di installazione, ovvero le classiche applicazioni portatili da tenere all’interno di una pendrive, in modo tale da poterli utilizzare su qualsiasi computer.

Quello che vi presentiamo oggi è un kit che trasformerà una chiavetta usb in un database di programmi utili a risolvere qualsiasi problema che possa verificarsi all’interno del pc, in questo modo basterà inserire la penna nella porta usb e dunque avviare il programma desiderato.

Il kit prende il nome di Tech Toolkit 2.0, scaricabile da questa pagina.

Il kit prevede due principali programmi un launcher e Ketarin. Il launcher è quello che partirà in automatico una volta inserita la chiavetta. Esso apre un menu contenente diverse sezioni tra cui pulizia, recupero file, utility di rimozione virus e spyware, recupero password, utility di backup ecc ecc.

Premendo su una categoria espanderemo la lista di tutti i programmi contenuti all’interno di quella categoria, ma, una volta cliccato su un programma riceveremo una bella schermata di errore, che brevemente ci informa che il programma non è stato trovato, il motivo è semplice, tutti i programmi dovremo prima scaricarli (o comunque solo quelli che ci interessano) e qui entra in gioco Ketarin, avviandolo infatti visualizzeremo tutta la lista di programmi, e facendo click su di essi potremo scaricarli, senza dunque perdere tempo a cercarli in rete.

Ketarin è configurato in modo da salvate tutti i file nella directory del kit, in modo tale da essere subito salvato sulla giusta cartella all’interno della pendrive stessa

Programmi per Gestire Collegamenti

Installando nuovi programmi, giochi, e qualsiasi altra applicazione, non possiamo fare a meno che piazzare la sua relativa icona sul desktop, ovviamente l’installazione delle applicazioni ci chiede se vogliamo crearla, e quindi volendo potremo anche non creare alcun collegamento, ma siamo talmente pigri che vogliamo sempre e tutto accessibile dal desktop, e finiamo per riempirlo di collegamenti cari, di cartelle, di foto, di tutto, creando dunque una scrivania incasinata che rispecchia proprio quella reale.

Il desktop è vero che è fatto per questo, per poter accedere a tutto ciò che ci pare nel modo più veloce possibile, ma esagerare potrebbe peggiorare le cose. Per tale motivo arriva il giorno in cui dovremo ripulire tutto il casino combinato, eliminare tutti i collegamenti che non utilizziamo più, quelli che portano a programmi non più presenti,ma fare tutto questo manualmente potrebbe crearci non pochi problemi, per tale motivo possiamo utilizzare l’applicazione che vi stiamo per presentare, questa infatti ci permetterà di gestire al meglio tutti i vari collegamenti che abbiamo sul desktop, e quelli che abbiamo sul menu start, potendo dunque eliminare quelli che non ci servono, ripristinare eventualmente quelli non più funzionanti.

collegamenti

Il programma si chiama ShortcutsMan, e possiamo scaricarlo gratuitamente da qui. Il programma non richiede installazione, quindi una volta scaricato l’archivio basta estrarre il contenuto in una cartella, e dunque avviare il file eseguibile.

Una volta avviato visualizzeremo tutti i vari collegamenti che abbiamo sul computer, direttamente nella schermata del programma. Per ogni collegamento possiamo visualizzare varie informazioni come il percorso completo a cui portano (e dunque il relativo programma che avviano), la loro locazione, l’icona utilizzata, e tante altre informazioni.

Tra questi potremo anche visualizzare tutti i collegamenti non più validi, questi segnalati in rosso, quindi possiamo selezionarle tutte cliccando su “edit” e quindi su “select broken shortucuts” in modo tale da selezionarli tutti con un semplice click, quindi cliccando con il tasto destro del mouse su di essi potremo tentare di ripristinarli, se anche così il problema non viene risolto (ad esempio perché il relativo programma è stato disinstallato o cancellato) potranno essere eliminati senza problemi.

Per eliminare tutte le altre icone basterà selezionarle spuntando la relativa casella, e quindi selezionare la voce “delete” all’interno del menu contestuale.

Se non riusciamo ad utilizzare il programma per via della lingua (questa in inglese) possiamo tradurre il tutto in italiano scaricando questo file di traduzione, e dunque estraendo il contenuto nella directory del programma.

1 2 3 108