Archivio Categorie: Google

Come Eliminare Account Gmail

Il servizio di posta elettronica di Google è stata una novità importante, per il momento non esiste un servizio dii posta elettronica gratis che abbia le stesse funzioni e lo stesso spazio per i nostri messaggi in arrivo ed inviati.

Google ha attirato in questo modo milioni di utenti solo in Italia, abbinando ad ogni indirizzo di posta elettronica diversi strumenti tutti gratuiti, una vera calamita di informazioni che passano da noi a Google e che ha convinto molti a rinunciare a questa mail anche se multifunzione.

Come eliminare un account Gmail? Oggi vogliamo dare una soluzione ai nostri utenti, offrendo indicazioni precise su come eliminare il proprio indirizzo di posta elettronica Gmail. Avvertenza, eliminando l’account, elimineremo anche tutti gli strumenti abbinati (YouTube, Adsense, Analitycs, Calendar, Documents).

-Clicchiamo sull’ingranaggio in alto a destra che rappresenta le opzioni di questa posta elettronica

Clicchiamo su Impostazioni di Gmail, da questa pagina avremo accesso a tutte le informazioni riguardanti il nostro account. Quali strumenti utilizziamo abbinandoli alla nostra Gmail, per esempio. Ora dovremo andare su Account e impostazioni.

Si aprirà una pagina, nella quale troveremo l’opzione Modifica impostazioni account. In questa opzioni troveremo una serie di voci da spuntare. Quella che ci interessa e che dovremo spuntare è Altre impostazioni dell’account Google.

Troverete sulla stessa pagina la finestra I miei prodotti. Andate quindi su Modifica.

Infine, troverete l’opzione Rimuovi Gmail in modo permanente. Cliccate e confermate.

-Cancellare un account Gmail, considerando che è possibile tenere anche messaggi in arrivo che non ci interessano perché abbiamo a disposizione tantissimo spazio, vuole il suo tempo.

Per questo, è la stessa azienda multinazionale che ci informa che sarà impossibile eliminare definitivamente l’account prima dei sessanta giorni lavorativi (due mesi). In questi giorni, potrete anche pensare di ricontrollare la vostra Gmail, non fatelo. La procedura fin qui effettuata sarà eliminata e voi sarete costretti a rifarla per eliminare la vostra posta elettronica Gmail (e sarete obbligati ad attendere altri 60 giorni per poter vedere completamente cancellato il vostro account).

Questo annullamento si verifica anche se utilizzate i vostri dati Gmail per entrare nei servizi abbinati (fate un giretto sul vostro canale YouTube con l’account che avrete eliminato e la vostra posta elettronica verrà ripristinata, costringendovi a fare tutto da capo). Buona eliminazione dell’account online Gmail.

Come Creare un Account Gmail

Gmail è il migliore servizio di posta elettronica attualmente presente online. Infatti, la mail di Google è interessante per diversi motivi:

Consente l’accesso a tutti i servizi Google.Con Gmail si accede direttamente a strumenti come Google Adsense e Adwords, Alert (per sapere chi parla di voi e del vostro blog online), Calendar per fissare i vostri appuntamenti, Plus, il social network con cui attualmente Google sta avviando. Solo questo basterebbe per invogliare gli utenti a creare il proprio account.

Consente la registrazione semplificata  su portali di grande importanza come YouTube sul quale è possibile creare un canale per pubblicare il proprio video.

Consente di accedere ad un mercato interno esclusivo. Infatti, se avete un account Gmail e una campagna di Adwords, potete scegliere di inserire i vostri annunci solo su Gmail, risparmiando notevolmente sui costi della campagna ed aumentando vertiginosamente il tasso di conversione.

Ha uno spazio di 7 GB per la vostra posta elettronica, per non parlare delle varie funzionalità che vi consentono di segnalare le mail importanti o da leggere e di assegnare categorie diverse (le cosiddette etichette) alle vostre mail.

Ecco come registrarvi, anzitutto, andate su Gmail, attraverso il link diretto http://mail.google.com. A questo punto, sotto il Login, troverete il bottone Non hai un account Gmail? Registrati ora. Cliccatelo e Google vi mostrerà il modulo di registrazione con tutti i dati che generalmente vengono richiesti al momento dell’apertura della mail.

Ecco qualche consiglio

-Fate attenzione al nome utente, perché non si può modificare.

-Fate attenzione alla password e affidatevi al calcolatore di sicurezza di Google (sarà il modulo stesso a dirci se la password è sicura).

-Attenti al doppio nome utente (cioè Google vi avvisa se il nome utente è già stato utilizzato).

Dovrete inserire il codice reCapcha come al solito, accettare le condizioni del servizio e cliccare sul bottone Accetto, crea il mio account. A questo punto, dopo una semplice guida offerta da Google in cui troviamo la spiegazione delle funzionalità principali, siete pronti per utilizzare  la vostra nuova casella di posta.

Creare un account Gmail è quindi un’operazione molto semplice e veloce.

Come Funziona Google

Vi siete mai chiesti come funziona Google? Il funzionamento di un motore di ricerca è un argomento complesso ma nei giorni scorsi l’azienda ha pubblicato su YouTube un video in che vengono spiegati molti concetti interessanti relativamente al funzionamento di Google.

Nel video troviamo Matt Cuts, che ha un ruolo importante nel gruppo Search Quality di Google, che spiega diversi concetti interessanti relativamente al modo in cui avviene l’indicizzazione dei siti.

Il video è ovviamente in inglese ma rappresenta sicuramente una risorsa utile per chi vuole capire qualcosa in più su questo argomento.

Monetizzare le proprie applicazioni Android con AdMob

Quella che segue è una semplice guida ad AdMob, il servizio, molto simile ad AdSense (non solo per il nome) che permette di guadagnare qualche soldino agli sviluppatori Android che inseriscono applicazioni sul Market del sistema operativo.

L’uso di AdMod è davvero semplice, soprattutto per coloro che hanno già esperienza con AdSense.

Per prima cosa, dovete andare sul sito del servizio, che trovate qui, e creare un account, nel caso in cui non lo abbiate già. Il processo non prende più di 5 minuti, ed è davvero intuitivo.

Una volta impostati correttamente tutti i campi, effettuate il Login, cliccate su “Add Sites” e create un sito androide. Vi verranno chiesti alcuni dettagli sull’applicazione, nel caso in cui non sia ancora sul Market, poi basterà inserire alcuni valori fittizi, che si potranno modificare a piacere in futuro.

Nella schermata che segue, dovrebbe esserci il link per scaricare l’SDK (Software Development Kit). Bene, qui comincia la vera e propria guida!

Scaricate l’SDK, cercare il file “admob-sdk-android.jar”e metterlo nelle librerie/directory dell’applicazione. Inoltre avrete anche bisogno di configurare l’IDE (va bene Eclipse), al fine che venga riconosciuto dall’SDK.

Fatto questo, dobbiamo configurare anche la nostra applicazione per poter utilizzare le librerie AdMob. Per farlo, aprire il file “AndroidManifest.xml” e aggiungere il seguente codice prima del tag di chiusura dell’applicazione.

<!-- The application's publisher ID assigned by AdMob -->

<meta-data android:value="IL_TUO_ID" android:name="ID_PUBLISHER_ADMOB" />

 <!-- AdMobActivity definition -->

<activity android:name="com.admob.android.ads.AdMobActivity"

android:theme="@android:style/Theme.NoTitleBar.Fullscreen"

android:configChanges="orientation|keyboard|keyboardHidden" />

<!-- Track Market installs -->

<receiver android:name="com.admob.android.ads.analytics.InstallReceiver"

android:exported="true">

<intent-filter>

   <action android:name="com.android.vending.INSTALL_REFERRER" />

</intent-filter>

</receiver>

Dovrete sostituire IL_TUO_ID con il vostro ID, che trovate nella sezione Sites del sito.

Inoltre, assicuratevi che la vostra applicazione abbia il permesso a internet. Se non può collegarsi a internet, come sperate di guadagnare?

<!-- AdMob SDK requires Internet permission -->

<uses-permission android:name="android.permission.INTERNET" />

Successivamente, se non avete un file chiamato “res/values/attrs.xml” createlo con il seguente codice. Se lo avete già, passate al prossimo passo.

<?xml version="1.0" encoding="utf-8"?>

<resources>

<declare-styleable name="com.admob.android.ads.AdView">

<attr name="backgroundColor" format="color" />

<attr name="primaryTextColor" format="color" />

<attr name="secondaryTextColor" format="color" />

<attr name="keywords" format="string" />

<attr name="refreshInterval" format="integer" />

</declare-styleable>

</resources>

Fatto questo, possiamo seriamente pensare all’inserimento degli ads nelle nostre applicazioni. Con il seguente codice posizionerete il banner sul fondo della pagina, proprio come un footer di un sito web. Il codice è da inserire nel file res/layout/main.xml.

<com.admob.android.ads.AdView

android:id="@+id/ad"

android:layout_width="fill_parent"

android:layout_height="wrap_content"

myapp:backgroundColor="#000000"

myapp:primaryTextColor="#FFFFFF"

myapp:secondaryTextColor="#CCCCCC"/>

Probabilmente nell’IDE darà errore, ma durante l’esecuzione non da problemi, state tranquilli.

Assicuratevi di aggiungere il nome della vostra app nel LinearLayout, come ad esempio:

<LinearLayout xmlns:android="http://schemas.android.com/apk/res/android"

xmlns:myapp="http://schemas.android.com/apk/res/com.jameselsey.LanguageSelection"

android:layout_width="match_parent"

android:layout_height="match_parent"

android:orientation="vertical">

Ecco fatto! Adesso potrete visualizzare i banner direttamente sulla vostra applicazione, che può già essere distribuita. Talvolta AdMod impiega qualche secondo i più per caricarsi, in quanto deve collegarsi ad internet per trovare un annuncio adatto.

Avrei finito, spero di aver aiutato qualcuno a guadagnare i primi soldini con le proprie applicazioni! Per qualsiasi cosa (anche negativa) lasciate un commento, in particolar modo se questa guida vi ha portato qualche beneficio.

Trovare Mp3, Pdf e password: trucchi per Google

Con i seguenti parametri si può semplificare la ricerca, recuperando siti con brani in formato Mp3, foto e pagine con contenuto simile.

  • site:  Google restringe la ricerca a un solo dominio
  • inurl: Trova solo l’Url in cui è presente la parola
  • allinurl: Tutte le parole devono trovarsi nell’Url
  • intitle: Il termine deve essere nella denominazione
  • link: Si trovano link di collegamento a determinati siti
  • allintitle: Tutti i termini devono essere nel titolo
  • related: Trova siti con contenuto analogo
  • intext: Il concetto può trovarsi solo nel testo del sito e non nel titolo o nell’Url
  • allintext: Tutti i concetti devono trovarsi nel testo del sito e non nel titolo o nell’Url
  • filetype: Cerca solo determinati tipi di documento
  • Ignora, durante la ricerca, siti con la parola chiave
  • cache: Mostra pagine che si trovano nella cache di Google
  • define: Cerca enciclopedie online come Wikipedia in base alla definizione del termine di ricerca
  • numrange: Cerca i numeri di un determinato range
  • * Una stringa di caratteri di qualsiasi lunghezza

Eliminare spam nelle ricerche di google

Alle volte quando facciamo delle ricerche sul motore di ricerca Google, ci può capitare che ci restituiscano dei risultati non perfetti ed in alcuni casi anche risultati composti da siti spam. a questa cosa si può ovviare, vediamo come.

Infatti con l’eccezione Spam Block for Google si possono bloccare i collagamenti indesiderati che alle volte compaiono nelle nostre ricerche. creerà in automatico una lista per evitare che al successivo collegamento, vengano visualizzati nuovamente questi link. Saremo noi a selezionare un link come indesiderato e per farlo, potrete cliccare su Spam (visualizzato accanto ai risultati) oppure cliccare l’icone dell’estensione (posizionata vicino alla barra degli indirizzi e immettere l’indirizzo che volete bloccare.

Quindi, con Spam Block for Google, non rischieremo mai di trovarci all’interno di siti pieni di virus o comunque poco attendibili. Una risorsa davvero interessante.

Creare una firma personalizzata con Gmail

Forse vi piacerebbe personalizzare molto di più la firma che inviate quando mandate le vostre email. Gmail vi permette di farlo utilizzando le funzioni di Gmail labs: potrete creare delle firme complete e professionali senza limitazione di numero.

Prima di tutto dovrete accededere a Gmail labs cliccando sul simbolino verde in alto a destra. Attivate ‘Risposte predefinite’ e ‘Inserimento di immagini’ nelle opzioni proposte e poi salvate il tutto in fondo alla pagina. Ora scegliete di scrivere un nuovo messaggio per creare la firma digitale. Personalizzatela con tutte le funzioni dell’editor: font, dimensioni, loghi, colori, immagini e links.

Una volta completata la firma, cliccate su ‘Risposte predefinite’ dando un nome a caso prima di salvare. D’ora in poi quando andrete a rispondere ad un messaggio cliccando su ‘Risposte predefinite’ potrete inserire una firma o scegliere tra quelle create.

Visualizzare siti con le immagini nel nuovo Google

La nuova pagina di ricerca di Google ha portato diversi cambiamenti nello stile di ricerca come, ad esempio, la possibilità di vedere un’anteprima del sito che volete visualizzare, oppure ciò di cui parleremo oggi: visualizzare siti che contengono al loro interno dei file immagini… Vediamo come fare.

La procedura è molto semplice e dovrete seguire solo pochi passi: innanzitutto aprite Google e digitate una chiave di ricerca. Una volta visualizzati i risultati aprite “Più strumenti di ricerca” nel menù a sinistra, parte integrante della nuova interfaccia. Per finire selezionate “Sito con immagini” sotto la dicitura “Visualizzazione standard”.

Ora avrete una visualizzazione orientata alla visione di siti contenenti file immagini!

Inserire immagini in Gmail


Normalmente non è possibile inserire delle immagini nel contenuto delle mail che si inviano tramite Gmail, esiste però la possibilità di abilitare questa funzione.

Come prima cosa bisogna accedere a Gmail e cliccare sulla scheda Impostazioni

A questo punto è necessario accedere alla pagina Labs.

Nella pagina Labs sono presenti diverse funzioni sperimentali e tra queste troviamo Inserimento di immagini che consente di inserire immagini nel corpo di un testo.
Bisogna quindi selezionare l’opzione Attiva per Inserimento di immagini.

Dopo che si sono salvate le modifiche, la pagina di Gmail viene ricaricata e risulta possibile provare la nuova funzionalità scrivendo un nuovo messaggio.

Nella barra della formattazione compare infatti una nuova icona.

Cliccando l’icona viene aperto lo strumento tramite il quale è possibile caricare un’immagine dal proprio computer o specificare l’indirizzo web dal quale deve essere recuperata.

In questo modo è quindi possibile inserire immagini in Gmail.

1 2